Pubblicato da: SAX | 15 settembre 2015

Strane pubblicità (2)

Traducibile con un "E vedrete tutto"

Traducibile con un “E vedrete tutto”

(Foto del 2013)

Annunci
Pubblicato da: SAX | 15 settembre 2015

Strane pubblicità

Marco Suca

Marco Suca, dentista

(Foto del 2013)

Pubblicato da: SAX | 16 gennaio 2015

Bassa e soddisfatta

E le slovacche?

Solo 0.086

My life in Czech Republic

Oh, mica che sono basso: alla fine sono più di un metro e ottanta e, in Italia almeno, è molto raro trovare ragazze che mi guardino dritte negli occhi.

E invece qui ce ne sono ogni due per tre: la Repubblica Ceca è piena di ragazze alte. Poco fa ero in ascensore con due stangone che mi superavano di un tacco tocco e ecco, mi sentivo un po’ a disagio… come credo si senta una ragazza minuta quando in ascensore ha dietro lei due bestioni alti e palestrati.

Magari con la faccia truce (ma no, le due stangone in questione erano angeli biondi, almeno).

Comunque guardandole ho avuto un epifania, di quelle per cui se il Nobel lo assegnassi io, me lo darei seduta stante. Tutti i Nobel, mica solo uno.

Qui trovate un elenco dell’altezza media femminile in varie nazioni del mondo. La Repubblica Ceca cade all’ottavo posto, con…

View original post 483 altre parole

Pubblicato da: SAX | 24 dicembre 2014

Mi han fregato loro

Ecco, alla fine mi hanno fregato loro: oggi sono ritornato a controllare (che si sa mai oggi il codice funziona) e… finiti! Tutti i prodotti come quello che ieri non hanno voluto vendermi: finiti. Venduti.

Ma come venduti??? “Sa neda predat!“, avevan detto.

Fuck.

Grazie alla deviazione di controllo, fra l’altro, ho perso tempo prezioso che non mi ha permesso di procurarmi dei limoni che mi servivano per il pranzo di Natale. Eh sì, perché in quel Tesco i limoni erano finiti, e tempo di trasferirsi da Hypernova erano oramai le 11.10.

Hypernova chiudeva alle 11.30 (che poi si festeggia il Natale) ma… ovviamente avevano già tirato giù le serrande (sia mai che c’è ancora un cliente dentro alle 11.30 eh?). Prendi l’auto e corri da Kauflad. Chiuso. Corri da un altro Tesco. Chiuso anche lui.

Passerò un Natale senza limoni.

Pubblicato da: SAX | 24 dicembre 2014

Buon Natale!

Ormai tre anni fa parlavo di quanto possa diventare complicato gestire le feste in Slovacchia.

Una delle cose a cui veramente non mi abituerò mai però, è il fatto che il Natale non lo festeggiano il 25, ma il 24. E che quindi i negozi sono chiusi.

Il 24 pomeriggio per dirla tutta, visto che al mattino invece sono aperti. Fino alle 11.30 (più o meno, più meno che più).

Quindi è ufficiale, da 15 minuti esatti posso augurarvi Buon Natale.

Pubblicato da: SAX | 23 dicembre 2014

Una falla nel sistema?

Anche oggi, stesso Tesco, stessa storia, ma oramai ho imparato.

Passa il vitello alla cassa, non funziona. Ma questa volta riescono a capire subito il problema.

Purtroppo non succede lo stesso con un regalo che avevo scelto per mio figlio (regalo per il quale ero andato proprio a quel Tesco, al solito):

Cassiere: “Mi spiace, il codice è sbagliato, non possiamo venderlo.”

SAX: “Chiami la cassa centrale.”

Un minuto ed arriva la commessa dalla cassa centrale.

Addetta della cassa centrale: “Mi spiace, il codice è sbagliato, non possiamo venderlo.”

SAX: “Non potete venderlo? Avete in negozio articoli che non potete vendere?”

Addetta della cassa centrale: “Sì. Non possiamo venderlo.”

SAX: “E’ un regalo quindi?”

E con questo speravo di aver trovato una falla nel sistema ma, ahimé, non ha funzionato.

nanospeed

Pubblicato da: SAX | 17 ottobre 2014

Diverse abitudini

Qualche aggiornamento dall’altra parte…

My life in Czech Republic

C’è che capita di andare dal dottore per fare la visita di routine successiva ad ogni assunzione. Che in realtà dovrebbe essere precedente, che in realtà spesso usano per sapere se le donne sono incinte e chi più ne ha più ne metta mah…in ogni caso, donna non sono e la mia azienda è arrivata un cicinin in ritardo (un po’ anche per colpa mia, va detto, e ritardi da parte dell’assicurazione sanitaria a mandarmi la tessera).

Ad ogni modo, oggi sono in mezzo ai monti sud-bohemiani in visita a una nostra sede (no, non produciamo latte, anche se là ci sono in effetti più mucche che persone) e mi dicono che in quel paesino alle 13 in punto arriva il medico, e che potrei approfittarne per fare la visita senza corse particolari.

Detto-fatto, mi fiondo dal dottore alle 13 in punto. No, non è vero, arrivo in effetti alle…

View original post 433 altre parole

Pubblicato da: SAX | 26 settembre 2014

Sì, ok, buonanotte.

Mi succede spesso, troppo spesso per essere un caso:

Slovacco -a-caso: Ciao [bla bla bla]… di dove sei?

SAX: Ehm…Milano

Slovacco-a-caso: Ah, quindi sei  italiano? Buenos días!

SAX: (pensa) Ma porc…

Ma sopratutto, quando viene a sapere che finisco di lavorare alle 18-19:

Slovacco-a-caso: Beh certo, ma tu fai la siesta dall’una alle quattro no?

SAX: Sì, certo. ¡adios!

Fanno un po’ di confusione insomma. Che si capisce anche (non è che gli italiani sappiano discernere egregiamente fra, che so, slovacco e ceco eh?) ma…a volte suona abbastanza comico.

Come a Maggio, al termine della finale di Champions League vinta dal Real Madrid, i commentatori esaltati

E come si dice in spagnolo… “Buona notte!

 

Pubblicato da: SAX | 21 settembre 2014

Bulgaria – What The Fuck!

Nel mio processo di naturalizzazione a vero slovacco D.O.C. – fra l’altro interrotto bruscamente –  le vacanze in Bulgaria non potevano certo mancare. Se non sei stato in Bulgaria, il paese dove si-mangia-in-4-con-10€-non-prendere-all-inclusive-assolutamente-no, non sei slovacco nemmeno un unghia, mi pare.

Cominciamo quindi dalla fine: sul mio vacanzometro di fiducia la Bulgaria si piazza in una poco invidiabile posizione a metà fra “Mai più” e “Se proprio devo”:

Vacanze in Bulgaria?

Diciamo traducibile in “manco pe’ u cazz”.

Lo ammetto, in parte è colpa nostra, che ci siamo fatti abbagliare dall’offerta last-minute che prometteva faville: hotel 5* in riva al mare in zona rinomata, family-friendly e cazzi e mazzi. Purtroppo, non tutto è andato come doveva andare.

Volo diretto Kosice – Burgas, e subito problemini con la carta d’identità italiana.

Pur non essendo ancora parte di Schengen, la Bulgaria accetta la carta d’identità italiana come documento valido per l’ingresso. Non fosse che la guardano 5 minuti, la tolgono dalla custodia per passare le unghie sulle incisioni nella carta, la guardano in controluce e poi ancora e ancora, finché non ti lasciano passare (Da notare che questi problemi me li han fatti solo le donne, mah…). La cosa non mi mette comunque a disagio, di solito preferisco più controlli a meno controlli,  quando viaggio senza ovuli di coca nello stomaco, certo.

A Burgas, ci aspetta un bus dall’aspetto non proprio elegante, ma dentro non è male. In strada becchiamo una coda di un paio di chilometri e una delle cose che mi colpiscono è la quantità industriale di auto che tranquillamente superano tutta la colonna fermandosi di tanto in tanto in “doppia fila” facendo posto a qualche sporadica auto che giunge nel senso opposto.

Ma la cosa che più mi stupisce sono le auto che superano le auto che superano, occupando tutta la carreggiata e finendo con le ruote nella banchina dal lato opposto, bloccando a quel punto sì tutta la strada fa clacson e bestemmie bulgare (queste ultime nella mia immaginazione). Veramente, non ho mai visto niente di simile. Penso che per fortuna io in Bulgaria mica devo guidarci.

Arriviamo all’hotel, e il primo impatto è eccezionale: hotel bellissimo, interni in stile un po’ troppo tribal-african-egiptian-muccapazza che in certi punti risentono del passaggio degli anni ma, in generale pare un bel posto.

L'hotel

L’hotel

Mai avrei pensato, in quel momento, di non vedere l’ora di ritornare a casa già dopo pochi giorni.

Facciamo il check-in e saliamo in camera. Ah, l’ascensore: l’algoritmo dell’ascensore è una candid-camera: se è fermo al secondo piano e lo chiami dal piano terra, sale all’ultimo e poi ritorna giù. Sempre. Se sei al secondo – il nostro caso – l’ascensore è al piano terra e lo chiami (c’è solo il pulsante per scendere), questo sale fino all’ultimo senza fermarsi al tuo piano. E poi scende facendo tutte le fermate prenotate. L’effetto è che, se hai un bimbo piccolo e un passeggino, negli orari di punta (colazione, pranzo, cena) l’ascensore è sempre pieno come un uovo, e tanti saluti alla famiglia col passeggino. Anche perché c’è un solo ascensore per tutta l’ala, che a spanne conterrà 3-400 persone.

“Risolviamo” dividendoci: moglie e figlio piccolo in ascensore (pressando e facendo scendere qualcuno quando l’ascensore segnala superato i limite di 1300 Kg, anche se si è dentro in 6), io e il grande per le scale. Questo fino al primo giorno di pioggia, nel quale grazie alla mancanza di luce e alle infiltrazioni d’acqua da chissà dove prima io poi lui rischiamo di perderci l’osso del collo, su quelle scale.

Ma parlavamo della camera. Entriamo…stupenda! Grande, ordinata, con vista mare (sul lato dell’hotel, altrimenti si pagava il surplus) e un bell’arredamento.

Finché non scopriamo che il lettino per il piccolo è rotto, e il divano-letto per il grande ha un buco grosso come una casa proprio dove dovrebbe starci la sua schiena. Scherziamo? Torniamo alla reception, e dopo qualche ora viene un signore-tuttofare che cambia il lettino, seguito da una signora-tuttofare che riempie il buco di cuscini e appoggia un materassino sul divano. Su questo “letto” dovrà dormire mio figlio per 11 notti… dio mio.

 

“Risolta” anche questa, scendiamo a vedere le piscine. Belle… ma… qualcosa non torna. Ci si può accedere solo facendo tre rampe di scale? Ascensori inusabili e scale a ripetizione: e doveva essere un hotel per famiglie con bimbi piccoli, dicevano.

Ad ogni modo, c’è da dire che la vita ai bordi della piscina non è male. Se ti alzi abbastanza presto (e con un bimbo di un anno sfido chiunque ad alzarsi dopo le 6.30) hai tutto il tempo di fare colazione ed andare poi a prendere possesso di qualche sdraio per la giornata.

Impossibile usare il solito trucchetto di alzarsi alle 4, scendere a prenotare i lettini con gli asciugamani e poi con calma letto-colazione-piscina perché… un cartello dice che tutti gli asciugamani lasciati incustoditi per più di un ora verranno rimossi. Non solo, un giorno mettiamo gli asciugamani prima di colazione, torniamo dopo si e no 20 minuti e… non c’erano più. Il bagnino  o una delle manager del luogo passavano e li toglievano. Sinceramente, mi sono chiesto il perché del cartello. Questo comunque durante il giorno poi non succedeva, anche perché la gente si va a fare bagni anche più lunghi di un’ora… che fai, gli togli gli asciugamani dai lettini mentre sono in mare?

Non è male, dicevo, a parte la presenza inquietante dietro le tue spalle di una donna di servizio che al riparo dagli sguardi indiscreti (dei suoi datori di lavoro) telefona un paio d’ore al giorno deliziandoti con la sua soave voce turca.

Passa la giornata, e la sera si va nella hall per scaricare posta. Anche in vacanza serve comunque farlo almeno una volta al giorno: il free-wifi della hall mi basta e avanza. O meglio, basterebbe e avanzerebbe…se funzionasse. In 12 giorni sono riuscito a scaricare posta 4 volte. E non era nemmeno questione di congestione, visto che ho provato anche il mattino molto, molto presto. Ma di pagare 6 € al giorno per avere il wifi in camera sinceramente non ne avevo alcuna voglia. Braccine corte, lo so.

Una piccola nota sul cibo dell’hotel, in generale buono ed abbondante: il ristorante italiano à-la-carte interno all’hotel, nel quale usufruiamo di una cena compresa nel soggiorno, ci offre una italianissima Insalata Tzatziki come antipasto.

Passano comunque alcuni giorni in cui ad ogni modo non ci facciamo venire il sangue amaro: sono tante piccole cose che avremmo volentieri evitato ma… possiamo conviverci.

Finché arriva il giorno del giudizio: arrivano GLI ITALIANI.

E quello che era il momento migliore della giornata, ovvero il tempo trascorso fra sdraio e piscina, diventa il nostro peggior incubo.

Non potete immaginare la caciara, le urla, le bestemmie che una famiglia romana di 5 persone e una combriccola di 3 meridionali riescono a mettere assieme. La famiglia romana che poi, nel complesso, a parte le urla non da poi particolarmente fastidio. Ma i 3 tizi sono veramente l’apoteosi dell’italiano all’estero:

Li riconoscete, vero?

Li riconoscete, vero?

Una bestemmia ogni due parole, gridando ovviamente, e un continuo prendere per il culo – in siciliano – i poveri baristi che se li devono sorbire già ubriachi fradici nel primo pomeriggio (si sa, facciamo i fighi a bere senza sapere bere). Godo come un riccio quando pare buttino il bagnino in acqua per fargli uno scherzo (ovviamente scherzavano da soli, se le cantavano e se le suonavano), il quale chiama la security che gli fa il mazzo così. Ma il giorno dopo siamo punto a capo.

Non voglio mischiarmi con loro, e infatti quando parlando col barista gli faccio notare che lo pigliano per il culo in continuazione, questo si stupisce che sia italiano anche io. Gran bel complimento. Io comunque spero che gli sputi nel gin tonic.

Riguardate quei tipi, poi guardate questi:

Ci facciamo riconoscere.

Ci facciamo riconoscere.

Sì, non serviva sentirli parlare. Puri italiani 100%.

E in effetti di gruppetti come questo se ne vedono in giro un discreto numero – mi sarei aspettato di vederne meno a dire il vero – durante le serate sul lungomare (a proposito, Sunny Beach è di sicuro gemellata con la riviera romagnola, a parte il cirillico non ci sono sostanziali differenze). Gruppetti di italiani arrapati volati in Bulgaria per usufruire di quello che le leggende dicono sia il prodotto locale per eccellenza: la figa.

Non fosse che poi li si vede in giro sempre e solo da soli, a fare commenti inascoltabili a ragazze che mai li capiranno. Almeno riuscissero ad inanellare più di due parole di fila in inglese…

E comunque: fra cirillico, bagni sporchi, musica tunz-tunz (menzione speciale per il pezzo qui sotto, passato probabilmente 2677 volte in hotel durante la nostra permanenza), zaini rubati e cartoni animati out-of-synch in televisione (doppiati sopra l’audio originale… fantastico!), la vacanza giunge quasi al termine senza danni.

Finché arriva l’ultimo giorno: la prima partita di beach volley della stagione, un dito rotto.

All day, all night… Bulgaria, what the fuck!

Giusto per finire in bellezza.

 

Pubblicato da: SAX | 19 settembre 2014

Pausa di riflessione?

Non proprio, ma forse avrete notato che non sono particolarmente attivo in questo periodo.

In breve, mi sono da poco trasferito in Repubblica Ceca e quindi la maggior parte dei miei post passeranno probabilmente su questo nuovo blog:

My life in Czech Republic

in cui vi raccontero’ le mie avventure in terra Ceca. La Slovacchia è e sarà sempre nel mio cuore, e visto che ci tornerò spesso spero di scrivere ancora su queste pagine. Oltre a tutti i post  in bozza che saranno ultimati a tempo debito.

Vaš SAX

Praga, ieri sera

Praga, ieri sera

Older Posts »

Categorie